sabato 28 novembre 2009

L'OMS e la definizione di pandemia

Da qualche mese sul web e nei media circola ampiamente la notizia che all'inizio di maggio l'OMS avrebbe cambiato di nascosto la propria definizione di pandemia per poter dichiarare l'attuale pandemia con lo scopo di arricchire l'industria farmaceutica. Ho indagato a fondo questa notizia e di seguito spiego che cosa ho scoperto. Inserisco gli screenshots delle fonti a cui mi riferisco. Per ingrandire gli screenshot cliccare sugli immagini.

La prima volta che ho letto questa notizia è stato il 7 settembre 2009 quando un pediatra aveva mandato un file con la posizione ufficiale del ACP (Associazione Culturale Pediatri) sull'influenza A/H1N1 (2009) ad una mailinglist alla quale partecipo. In questa lettere veniva fatto riferimento (screenshot #1) ad un'intervista al dott. Tom Jefferson, pubblicata nella rivista tedesca "Der Spiegel".Il titolo è "'A Whole Industry Is Waiting For A Pandemic'" (= Un'intera industria è in attesa di una pandemia) (screenshot #2).



Screenshot #1
Fonte: http://www.vaccinfo.eu/definizionepandemia_acp_2.pdf





Sceenschot #2

Fonte: http://www.spiegel.de/international/world/0,1518,637119,00.html



Traduzione delle parole segnate in giallo nello screenshot #2:
Jefferson: "Non pensa che il fatto che l'OMS abbia cambiata la definizione di pandemia sia notevole? La vecchia definizione era un nuovo virus che si diffondeva velocemente, per cui non si aveva nessuna immunità e che causava un'alto numero di malati e un'alta mortalità. Ora, le ultime due sono state cancellate, e con questo cambiamento è stato possibile catalogare l'influenza suina come pandemia."

La cosa mi è sembrata molto strana. Non è assolutamente un comportamento che uno si potrebbe aspettare dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Volevo vederci chiaro.

Col passare delle settimane la mia raccolta di pagine web, interviste su giornali italiani e di lingua tedesca, trasmissioni alla TV tedesca (varie volte al ZDF, poi al canale Arte), e italiana ("Exit" su LA7) nei forum di discussioni sul web, ed in tantissimi siti, blog (come quello del giornalista austriaco Bert Ehgartner) e addirittura fra i news del Cochrane Germania e in un'articolo pubblicato sul British Medical Journal, su You Tube etc. cresceva.

Tutti riportavano, come prova, il fatto che all'inizio di maggio nel sito dell'OMS alla pagina con il titolo "Pandemic preparedness" erano state eliminate le parole "con un enorme numero di morti e malattia"(vedi versione vecchia: screenshot #3). Secondo tutte queste persone, la metà di una frase che si trovava in una delle migliaia pagine del sito dell'OMS rappresentava la loro ufficiale "definizione di pandemia". Fra la volontà dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di dichiarare la pandemia c'era di mezzo un ostacolo: 4 parole che si trovavano in una singola pagina del loro immenso sito. Gli esperti internazionali e i ministeri della salute del mondo con cui l'OMS aveva elaborato un piano pandemico non sapevano che cosa sia una pandemia e non se ne sarebbero accorti se l'OMS avesse cambiato in segreto la definizione, togliendo 4 (!!!) parole dal sito. Oppure - una spiegazione alternativa - erano tutti d'accordo.E tutto per arricchire i produttori dei vaccini. Questo è quello che sembrano credere le tante persone che diffondono la notizia.

Screenshot #3 - Versione fino all'inizio di maggio 2009
Fonte: http://www.vaccinfo.eu/definizionepandemia_who_21.htm




Traduzione della voce "An influenza pandemic" dello screenshot #3


"Una pandemia d'influenza occorre quando un nuovo virus influenzale, contro cui la popolazione mondiale non ha nessuna immunità, appare causando simultaneamente molte epidemie in tutto il mondo, con un enorme numero di morti e di malattia. Con l'aumento del trasporto globale e di communicazione, come anche l'urbanizzazione e le condizioni di sovrappopolamento, con ogni probabilità le epidemie causate da un nuovo virus influenzale si diffonderanno velocemente in tutto il mondo."


Screenshot #4 - Versione aggiornata all'inizio di maggio 2009
Fonte: http://www.who.int/csr/disease/influenza/pandemic/en/




Traduzione della voce "What is an influenza pandemic?" dello screenshot #4


"Che cosa è una pandemia di influenza? Un'epidemia di un malattia si verifica quando la frequenza della malattia aumenta. Una pandemia è un'epidemia a livello mondiale. Una pandemia di influenza può accadere quando un nuovo virus dell'influenza compare contro cui la popolazione mondiale umana non ha nessuna immunità. Con l'aumento nel trasporto globale, l'urbanizzazione e le condizioni di sovrappopolamento in alcune zone, le epidemie dovuto ad un nuovo virus dell'influenza possono diffondersi in pochissimo tempo in tutto il mondo trasformandosi più velocemente di prima in una pandemia. L'OMS ha definito le fasi di una pandemia per fornire una struttura globale per poter aiutare i paesi nella preparazione e pianificazione. Le pandemie possono essere moderate o severe per quanto riguarda la malattia e la mortalità e la severità di una pandemia può cambiare nel corso della pandemia."



Apro una parentesi:

Alcuni dei siti che riportano la notizia con i link alla pagina originale e quella cambiata, fanno rimarcare che le parole che successivamente sono state eliminate dall'OMS erano scritte addirittura in [b]grassetto [/b]nel documento originale. Ma questo dipende solo dal fatto che in quei casi il link portava ad una pagina Google cache che mette in grassetto le parole della ricerca stessa. Per esempio se fossero state cercate le parole "new influenza virus" nella pagina Google cache apparirebbero queste parole in grassetto mentre "enormous numbers of deaths and illness" sarebbe scritto in caratteri normali. Infatti, nell'originale non erano in grassetto, come si può vedere dallo screenshot #3.

Screenshot #5 - dal sito "Attenti alle Bufale"
Fonte: http://www.attentiallebufale.it/qualita/pandemia_3.html




Screenshot #6 - dal sito "Attenti alle Bufale"
Fonte: http://www.attentiallebufale.it/qualita/jefferson_maryann.html



A proposito, questo Peter Doshi dello screenshot #6 (ingrandito nello screenshot #7) non è uno "sociologo statunitense", come lo presenta "Attenti alle Bufale" ma ...

Screenshot #7



...uno studente

Screenshot #8




Screenshot #9 - un'altro esempio dove si legge che nel testo originale dell'OMS le parole erano scritte in grassetto (articolo sul Center for Medical Consumers)
Fonte: http://medicalconsumers.org/2009/09/24/why-the-h1n1-virus-is-not-a-major-threat/




Tutti fanno riferimento al seguente documento che fa vedere le parole in grassetto solo per il motivo che ho descritto prima e come se può leggere nello screenshot #11

Screenshot #10
Fonte: http://medicalconsumers.org/2009/09/24/why-the-h1n1-virus-is-not-a-major-threat/



Screenshot #11
Fonte: http://medicalconsumers.org/2009/09/24/why-the-h1n1-virus-is-not-a-major-threat/



Traduzione delle parole evidenziate in giallo dello screenshot #11:


"Queste parole di ricerca sono evidenziate: "

Chiudo la parentesi.

Concentriamoci ora sui fatti.

Secondo le mie ricerche la cosa è nata all'inizo di maggio quando un giornalista del CNN aveva fatto presente ad una portavoce dell'OMS che nel loro sito c'era scritto "enormous numbers of deaths and illness". La portavoce Natalie Boudou ha richiamato il giornalista dicendo che quella definizione era un errore e che perciò l'avevano tolta dalla pagina.Le testuali parole della portavoce dell'OMS vengono riportate dal giornalista così: "Si tratta di un errore e ci scusiamo per la confusione creata. Questa (definizione) era stata scritta tanto tempo fa e dipinge un quadro piuttosto deprimente e potrebbe fare molta paura." L'articolo sul sito del CNN prosegue poi così: "La definizione è che "pandemia" indica epidemie in almeno due delle regioni nelle quali l'OMS suddivide il mondo ma non ha niente a che fare con la severità della malattia o il numero dei morti." Fonte: vedi screenshot #12

La correzione della descrizione errata che il giornalista aveva fatto presente all'OMS sembra essere avvenuta lunedì, 4 maggio 2009

Screenshot #12 - CNN - 4/5/09
Fone: http://edition.cnn.com/2009/HEALTH/05/04/swine.flu.pandemic/index.html







 Traduzione dello screenshot #12:

Fino a lunedì mattina, l'OMS aveva nel proprio sito web una definizione che diceva che un'influenza pandemica causa " un numero enorme di morti e malattia". Un giornalista del CNN lo aveva fatto presente e la portavoce Natalie Boudou richiamò il giornalista dicendo che quella definizione era un errore e che perciò l'avevano tolta dal sito dell'OMS.


"Si tratta di un errore e ci scusiamo per la confusione creata. Questa (definizione) era stata scritta tanto tempo fa e dipinge un quadro piuttosto deprimente e potrebbe fare molta paura."


La definizione corretta è che "pandemia" indica epidemie in almeno due delle regioni nelle quali l'OMS suddivide il mondo ma non ha niente a che fare con la severità della malattia o il numero dei morti.


Ancora prima degli eventi appena descritti, che hanno portato alla rimozione della descrizione errata, il CNN aveva pubblicato vari articoli sulla nuova influenza. Ecco alcuni esempi di come spiegavano che cos'è una pandemia:

Screenshot #13 - Glossario sulla nuova influenza del CCN pubblicato il 27/04/09:
Fonte: http://edition.cnn.com/2009/HEALTH/04/27/swine.flu.terms/index.html#cnnSTCText 




Traduzione dello screenshot # 13

Una pandemia, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, è quando un'epidemia prende proporzioni globali. L'OMS afferma che questo accade più facilmente quando un nuovo virus emerge, e aggiunge "siccome il virus è nuovo, il sistema immunitario della popolazione ha poca o nessuna immunità pre-esistente. Le persone che contraggono un'influenza pandemica hanno perciò una più alta probabiltà di un decorso più grave rispetto all'influenza stagionale.


Screenshot #14 - Intervista del CCN del 27/4/09
Fonte: http://edition.cnn.com/2009/HEALTH/04/27/swine.flu.qanda/index.html#cnnSTCText 





Traduzione dello screenshot #14

Domanda: Che cosa intende l'OMS quando dice che l'influenza suina ha "potenziale pandemico"?


Risposta: Se il virus si diffonde su vaste aree geografiche e colpisce grandi segmenti di una popolazione, un "epidemia" diventa una "pandemia".
Screenshot°15_a - CNN - 27/04/09
Fonte: http://edition.cnn.com/2009/HEALTH/04/27/swine.flu/index.html  








Traduzione dello screenshot #15_a
Lunedì l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha aumentato il livello di allerta pandemica in risposta all'epidemia di influenza suina che originata nel Messico. Muovere l'allerta dal livello 3 al livello 4 sulla scala di sei livelli di allerta pandemica dell'OMS significa che il world body ha determinato la capacità del virus di essere trasmesso in modo significativo da uomo a uomo - un passo importante verso una pandemia di influenza, ha detto il Dr. Keiji Fukuda, l'assistente del direttore generale dell'OMS.


Traduzione dello screenshot#15_b
Ricercatori cercano di scoprire con quanta facilità il virus può trasmettersi da persona a prersona. Fukuda, l'assistente del direttore generale del WHO dice che è ancora troppo presto per sapere se la pandemia sarà blanda o seria.


Evidentemente non c'erano dubbi qual'era e tuttora è la definizione di "pandemia", sia prima di maggio che nei mesi dopo la rimozione delle parole. Non so esattamente quando è nata la bufala, comunque la "pandemia delle citazioni" :wink: si è diffusa in modo evidente a partire da settembre, ben 4 mesi dopo il presunto e nascosto cambiamento della definizione da parte dell'OMS. In questi 4 mesi quindi nessuno ci avrebbe fatto caso e gli esperti internazionali nemmeno fino ad oggi...

Il 22 maggio 2009 c'è stata una conferenza ed ecco due esempi che provano che la definizione di pandemia dell'OMS non comprendeva la severità della malattia:

Screenshot #16
































Traduzione delle frasi in giallo dello screenshot #16:

Nell'attuale struttura di allerta pandemica la fase 6 è stata definita così: "un'epidemia in almeno un paese in una regione WHO diversa in aggiunta al criterio definito nella fase 5." La fase 5 definisce una trasmissione del virus da uomo a uomo in almeno due paesi in una singola regione WHO.

Screenshot #17
Fonte: http://m.reporternews.com/news/2009/May/18/nations-urge-who-to-change-pandemic-definition/





Traduzione delle frasi in giallo dello screenshot #17

Oggi alcune nazioni hanno sollecitato l'Organizzazione Mondiale della Salute di cambiare i criteri con i quali viene decisa la dichiarazione di una pandemia.


Il sistema attuale dell'OMS focalizza sulla diffusione del virus senza considerare la severità della malattia.

Screenshot #18
Fonte: http://m.reporternews.com/news/2009/May/18/nations-urge-who-to-change-pandemic-definition/ 





Traduzione delle frasi in giallo dello screenshot #18

Ma l'OMS non sembrava condividere l'idea di un concetto per stabilire misure universali di severità della pandemia.


"Non è davvero possibile stabilire globalmente la severità e l'impatto generale su una società a causa delle condizioni uniche di ciascuna comunità in paesi diversi. E all'interno di un paese l'impatto sarà diverso nelle varie popolazioni.

Screenshot #19 - "Wissenschaft im Brennpunkt" - trasmissione del 25 ottobre 2009 Deutschlandfunk
Fonte: http://www.dradio.de/dlf/sendungen/wib/1057036/














Traduzione dello screenshot #19

Già a suo tempo l'OMS era stata criticata di essere troppo allarmistica perché anche se è vero che il virus H1N1 è molto infettivo, è altrettanto vero che non è estremamente pericoloso. La maggior parte delle infezioni ha un decorso leggero. In rari casi però il virus attacca i polmoni entro 24 - 48 ore causando una polmonite molto pericolosa. Questo grave decorso riguarda soprattutto i giovani, i malati cronici, gravemente obesi e donne incinte. Però la severità della malattia non è un criterio della definizione di pandemia dell'OMS e non può essere diversamente, sottolinea il portavoce dell'OMS Dr. Gregory Hartl.


"Solo dopo si può, e anche solo in modo aprossimativo, stimare la severità di una pandemia di influenza. Per noi è importante sapere che un nuovo virus, contro cui le persone non sono immuni, si diffonde velocemente. Le autorità devono prepararsi per questa evenienza per proteggere la popolazione."

Le fasi di allerta pandemica dell'OMSe e la descrizione delle singole fasi si possono vedere qui:

Fonte: http://www.epicentro.iss.it/focus/h1n1/fasi.asp   












Ognuno può ora farsi un'opinione personale su questa faccenda sulla base delle informazioni che sono riuscita a raccogliere. Sono convinta che sia sempre molto importante valutare le cose basandosi sui fatti, ovvero sulla migliore conoscenza attuale dei fatti, e non sulle dicerie. Altrimenti si rischia di prendere decisioni sbagliate che possono a volte causare gravi danni, inclusa la morte.

Aggiunta del 14/1/10:

Dr KEIJI FUKUDA del WHO chiarisce oggi in un briefing la questione del presunto "cambiamento della definizione di pandemia":

http://www.who.int/mediacentre/vpc_transcript_14_january_10_fukuda.pdf

3 commenti:

  1. Un interessante articolo di Anna Meldolesi del 4 giugno 2009: "E' pandemia, ma non si dice."

    http://annameldolesi.italianieuropei.it/2009/06/e-pandemia-ma-non-si-dice.html

    RispondiElimina
  2. Un'altro post interessante sul tema:

    Blog "Bodegones" del 22/05/09

    Febbre suina: E' pandemia?

    http://tinyurl.com/ykhfbm6

    RispondiElimina
  3. Dr KEIJI FUKUDA del WHO chiarisce oggi (14.1.10) in un briefing la questione del presunto "cambiamento della definizione di pandemia":

    http://www.who.int/mediacentre/vpc_transcript_14_january_10_fukuda.pdf

    RispondiElimina